Critica della folla
Sabina Curti

Che cos’è la folla? Può esistere una società senza folla? Muovendo da uno studio etimologico-epistemologico del termine “folla” e dalla sua applicazione da parte delle scienze sociali, l’autrice propone una sorta di teoria critica della folla.

Ordine di scuola Università, Varia e Professionale - Università

Area disciplinare Scienze Umane e Sociali

Materia SOCIOLOGIA

Collana Eklectica

ISBN 9788891905741

Pp. 208

Euro 18,00

Che cos’è la folla? Può esistere una società senza folla? Rivoluzionaria o reazionaria, reale o virtuale, organizzata o estemporanea, sportiva, festiva o politica, la folla si configura come un’invenzione del potere scientifico (“stato psicologico”) e politico (“stato di eccezione”). Di più. Negativa o positiva che sia, la folla nomina sempre e porta con sé tre dispositivi con i quali è necessario fare i conti: la suggestione, la paura e la polizia. Muovendo da uno studio epistemologico del termine “folla”  e della sua applicazione da parte delle scienze sociali, attraversando
gli interstiziali e più controversi meccanismi di questo fenomeno continuamente pronto a tornare in auge, Sabina Curti ci accompagna in un esercizio di critica sociale con cui imbastire una trama sincronica, portante e utile a re-inventare il sapere sulla folla.
L’obiettivo è quello di smascherare alcune contraddizioni sociali cui dà luogo, rilevare i limiti e le infondatezze scientifiche delle prospettive con le quali è stata studiata, riconoscere e mettere in crisi i dispositivi della suggestione, della paura e della polizia ad essa incontrovertibilmente consustanziali. 

Autore

Sabina Curti è ricercatrice di Sociologia della devianza presso l’Università degli Studi di Perugia. Tra le sue più recenti pubblicazioni, Criminologia e sociologia della devianza. Un’antologia critica (2017), Rileggere “Dei delitti e delle pene” di Cesare Beccaria (2015). Sul tema della folla, con Elisa Moroni, La folla. Attualità e continuità del dibattito italo-francese (Milano 2011).

 

 

1. Introduzione. Folla, invenzione e potere
2. Il primo vero problema (Etimologia, epistemologia e metodologia della folla)
3. L’apoteosi dello stato psicologico. Folla, invenzione e potere
4. L’escamotage dello stato di eccezione
5. La falsa questione dell’anima della razza
6. Una teoria scientificamente infondata
7. Minoranze attive
8. Dalla regressione all’altruismo
9. Movimenti sociali
10. Altri veri problemi (La folla tra psicologia e sociologia)
11. Lo sciame digitale
12. Il diritto di riunione in Italia
13. Vecchie e nuove strategie collettive
14. Il secondo vero problema (Il rapporto tra folla e polizia in Italia)
15. Suggestione, paura e polizia
16. Conclusione Può esistere una società senza folla?
Riferimenti bibliografici