STUDI DI STORIA MEDIOEVALE E DI DIPLOMATICA

Direzione
Giuliana Albini

Comitato Scientifico
Marta Calleri, Cristina Carbonetti, Nadia Covini, Beatrice Del Bo, Andrea Gamberini, Clelia Gattagrisi, Marina Gazzini, Paolo Grillo, Marta Luigina Mangini, Liliana Martinelli, François Menant, Hannes Obermair, Elisa Occhipinti, Roberto Perelli Cippo, Daniel Piñol Alabart, Antonella Rovere, Francesco Senatore, Folco Vaglienti, Martin Wagendorfer

Comitato di Redazione
Francesco Bozzi, Elisabetta Canobbio, Marta Mangini (segretaria), Fabrizio Pagnoni

 

https://riviste.unimi.it/index.php/SSMD/issue/archive

 

Ordine di scuola Università, Varia e Professionale - Ricerca

Area disciplinare Discipline umanistiche

Materia STORIA MEDIEVALE - VARIA

Vedi le configurazioni (3)

ISBN: 9788867743506, 9788867743513, 9788867743520, 9788867743537, 9788867743544, 9788867743551, 9788867743568, 9788867743575, 9788867743582, 9788867743599, 9788867743605, 9788867743629, 9788867743636

I rapporti tra i «ceti dominanti» e le città padane (metà XI - metà XII secolo): sintesi di un percorso e primi appunti per una nuova ricerca

ISBN 9788867743506

Notaio, scriba, scriptor a metà XII secolo: Macobrio alla luce di nuove riflessioni

ISBN 9788867743513

Prout alii de comuni. Aristocratici, comunità e la nuova consuetudine delle decime in diocesi di Como (secoli XIV-XVI)

ISBN 9788867743520

Circa expeditiones arduas. L¿ufficio di vicegerente sotto la dinastia dei Durazzo

ISBN 9788867743537

La semina del diavolo. Duca, signori e comunità ribelli (valli del Canavese, 1446-1450)

ISBN 9788867743544

Commiato da un principe. L¿uccisione di Galeazzo Maria Sforza in un inedito memoriale benedettino

ISBN 9788867743551

Il libro segreto dell¿Archivio della curia romana (1506-1524)

ISBN 9788867743568

Le più antiche pergamene del Fondo Putignani della Biblioteca Nazionale di Bari (1303-1429) con l¿edizione di quattro documenti della cancelleria angioina

ISBN 9788867743575

La forza dei piccoli mercanti. Milano e dintorni tra la fine del XIV e l¿inizio del XV secolo

ISBN 9788867743582

Gestire e controllare il lavoro delle madri di latte: note da un registro delle balie dell¿Ospedale Maggiore di Milano (XV secolo)

ISBN 9788867743599

Lebbra, lebbrosi e lebbrosari nell¿Italia medievale. Gestione dell¿assistenza, vita quotidiana ed esperienze religiose fra documenti e narrazione

ISBN 9788867743605

L¿Italienprojekt dei Regesta Imperii nel bicentenario dei Monumenta Germaniae Historica

ISBN 9788867743629

Il Codice Diplomatico dei Grigioni - Bündner Urkundenbuch

ISBN 9788867743636

ISBN: 9788867743254, 9788867743261, 9788867743278, 9788867743285, 9788867743292, 9788867743308, 9788867743315, 9788867743322, 9788867743339, 9788867743346, 9788867743353, 9788867743360

Studi di storia medioevale e di diplomatica - nuova serie II (2018)

ISBN 9788867743254

Lettori di Albertano. Qualche spunto da un codice milanese del Trecento

ISBN 9788867743261

Una compravendita veronese del sec. XIV della Biblioteca Nazionale `Sagarriga Visconti Volpi¿ di Bari

ISBN 9788867743278

Senza memoria? La conservazione delle scritture comunitarie nel Milanese (secoli XIV-XV)

ISBN 9788867743285

La Compositio astrolabii della Biblioteca di Storia Scienze «Carlo Viganò» presso l¿Università Cattolica di Brescia

ISBN 9788867743292

Scritture, uffici e potere. L¿attività professionale e la produzione documentaria di un notaio di valle nella costruzione istituzionale dei `baliaggi italiani¿ dei Confederati (fine XV-inizio XVI seco

ISBN 9788867743308

Prassi giudiziaria a Vercelli nel XIV secolo

ISBN 9788867743315

Il monastero di San Prospero nella crisi del Trecento: aspetti gestionali e relazionali

ISBN 9788867743322

La duchessa Caterina Visconti e i suoi rapporti con Milano negli anni della reggenza (1402-1404)

ISBN 9788867743339

La flotta fluviale e lacustre del ducato di Milano nel XV secolo

ISBN 9788867743346

Progetto di ricerca sui cartulari ecclesiastici dell¿Italia medievale

ISBN 9788867743353

Didattica e ricerca. L¿esperienza del Laboratorio aragonese e sforzesco

ISBN 9788867743360

ISBN: 9788867742677, 9788867742684, 9788867742691, 9788867742707, 9788867742714, 9788867742721, 9788867742738, 9788867742745, 9788867742752, 9788867742769, 9788867742776, 9788867742783

Studi di storia medioevale e di diplomatica - nuova serie I (2017)

Leggi la rivista qui

ISBN 9788867742677

La Sezione Membranacea dell¿Archivio Storico Diocesano di Taranto (secoli XII-XIV): riflessioni sulle annotazioni archivistiche

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742684

Cum populo et non cum milicia: un inedito frammento di statuti piacentini (metà secolo XIII)

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742691

Il populus e la gestione della documentazione nei comuni umbri della seconda metà del Duecento

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742707

L¿arcivescovo e il marchese. Un tentativo di signoria a guida aristocratica a Milano (1277-1282)

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742714

La memoria di un signore del primo Trecento: i cartulari di Guido Savina da Fogliano

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742721

Pro impetrandis pecuniis. Nove liste di prestatori milanesi del 1451

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742738

Ni crede may più essere donna. Un caso di violenza nel ducato di Milano (Parma, 1461)

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742745

Il Centro studi interateneo Notariorum Itinera

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742752

Selezione dei vescovi e qualità del governo episcopale in Italia centro-settentrionale nel Trecento: alcune note di ricerca

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742769

«Pervasività signorile» alla fine del medioevo. Qualche nota su un recente progetto di ricerca

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742776

A major research project on late-medieval and early Renaissance music

Leggi l'articolo qui

ISBN 9788867742783

A più di quindici anni dalla stampa del volume 19 (2001) della prima serie riprende la pubblicazione annuale degli Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica. Una Nuova Serie, quindi, e una nuova veste editoriale, dal momento che si è scelto di farne una rivista on-line, con il supporto del Dipartimento di Studi Storici. Il progetto presenta elementi di continuità con il precedente, ma, insieme, di novità. La continuità è data innanzitutto dal sostegno offerto dal Dipartimento di Studi Storici, che è l’esito delle trasformazioni istituzionali degli Istituti di Storia Medievale e Moderna e di Paleografia e Diplomatica, confluiti poi nel Dipartimento di Scienze della Storia e della Documentazione Storica, fino alla costituzione dell’attuale Dipartimento. In linea con la tradizione è anche il taglio tematico, che si connota per la stretta interrelazione tra due aree disciplinari, distinte ma contermini: quella degli storici medievisti e quella dei paleografi, diplomatisti, codicologi, elemento ancora oggi alla base dell’impegno che ci si è assunti. Nel 1976, Giorgio Costamagna, Giuseppe Martini e Gigliola Soldi Rondinini, nel dare l’avvio agli Studi, in collaborazione con Maria Franca Baroni, così si esprimevano: «Nostro proposito è infatti raccogliere lavori che siano strettamente legati allo studio e all’utilizzazione di documenti editi e soprattutto inediti, prevalentemente dell’età medioevale, in tutte le possibili forme, dall’edizione integrale al commento diplomatistico, dall’individuazione degli uffici produttori di atti alla più ampia ricerca politica e sociale». È lo spirito con cui si riprende la pubblicazione, nella consapevolezza che nuovi filoni di indagine si sono via via aperti nelle ricerche medievistiche. Rimane il proposito di privilegiare gli studi nei quali sia dato spazio a fonti inedite o poco analizzate e interpretate nelle forme e con le modalità che ogni studioso riterrà più consoni alla sua sensibilità e al suo percorso di ricerca. Come nella prima serie degli Studi, sarà lasciato spazio ai lavori di giovani ricercatori, anche a ‘opere prime’, che potranno non presentare la sicurezza di lavori più maturi, ma che avranno la freschezza di quanti si apprestano a intraprendere nuove e ci si augura proficue indagini. Se dunque chiara è la volontà di mantenere viva una linea editoriale che in passato ha fatto degli Studi una voce importante della storiografia sull’età medievale, altrettanto sentita è l’ambizione di innestare su questa feconda tradizione alcuni elementi di novità. Il primo e più evidente è dato dalla natura digitale della pubblicazione, che risponde al nuovo contesto culturale e di comunicazione: la fruibilità open-access consente, infatti, un’ampia circolazione dei risultati degli studi e una condivisione dei progressi della ricerca. Ma l’innovazione, ci si augura, deriverà anche dall’apertura che gli Studi vogliono avere nei confronti dei più recenti indirizzi storiografici. Gli ultimi anni, infatti, sono stati ricchi di riflessioni metodologiche e di individuazione di nuovi filoni di indagine, che emergeranno certamente nei Saggi accolti nelle pagine degli Studi. Da questo punto di vista il lettore più attento non troverà difficoltà a identificare già in questo primo numero della Nuova Serie spunti e linee di ricerca originati da dibattiti di grande attualità. Ogni numero presenterà una sezione che si è voluto denominare Vetrina, perché servirà ad illustrare le attività di gruppi di lavoro, di progetti di ricerca, di convegni: uno strumento, insomma, per mettere in mostra iniziative significative e condividere le novità che si muovono nel mondo della ricerca sull’età medievale. L’uscita annuale degli Studi sarà accompagnata dalla pubblicazione dei Quaderni, che ospiteranno raccolte di saggi, monografie, edizioni di fonti, che richiedano spazi più ampi di quelli che gli Studi possono garantire. Nella progettazione della Nuova Serie si sono impegnati tutti i colleghi che hanno dato la loro disponibilità per il Comitato Scientifico: a tutti un ringraziamento. Particolarmente gravoso è stato il compito del Comitato di Redazione: Marta Mangini, insieme a Elisabetta Canobbio e Fabrizio Pagnoni, hanno svolto in modo davvero attento e professionale il lavoro editoriale e redazionale. Il primo numero della Nuova Serie esce con l’augurio che gli Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica possano avere, per un lungo periodo, uno spazio importante nelle pubblicazioni di area medievistica.